Eventi

Phpday 2019

Lettura 3 minuti

Maggio è arrivato e, come accade ogni anno, si sta rivelando un mese ricco di conferenze per i Bitbulli…. ma è anche un ottimo mese per visitare la città di Verona dove, da parecchi anni a questa parte, il GRUSP organizza quattro giorni di full immersion dedicati a sviluppatori Javascript e PHP.

Treno presto venerdì mattina ed eccoci all'Hotel San Marco per dare il cambio ai colleghi che hanno partecipato al JsDay nelle giornate di mercoledì e giovedì (qui trovate il loro articolo).

Che il PhpDay abbia inizio….

La scaletta dei talk prevedeva circa 20 interventi divisi in due track (qui la lista completa), oltre agli interventi di apertura e chiusura evento, ad alcuni workshop e spazi per unconference talks.

In alcuni casi è stato difficile scegliere quale sala presenziare; noi abbiamo deciso di seguire principalmente interventi focalizzati su strumenti e tecniche da utilizzare nel lavoro quotidiano ma non è mancato lo spazio per approfondire argomenti meno pratici.

Tra le novità presentate hanno riscosso grande interesse il talk su Xdebug 3 tenuto dallo stesso creatore, Derick Rethans: un'escursione del suo funzionamento e una presentazione delle configurazioni e funzionalità della nuova versione che è stata totalmente riscritta e uscirà nei prossimi mesi.

Un altro talk su un argomento ricco di aspettative è stato quello su MySql 8, tenuto da Gabriela D'Ávila Ferrara: per questo talk sarebbe stato utile un workshop per testare tutte le novità che sembrano promettere un gran salto di qualità, qui le slides.

Benoit Jacquemont, di Akeneo, ha presentato PHP Meminfo, un'estensione php utile per raccogliere dati sul contenuto della memoria in modo da profilare le applicazioni alla ricerca delle cause dei memory leak. La parte più interessante è stato l'approfondimento su come PHP gestisce la memoria e su come sia possibile riconoscere (e fixare) gli odiosi memory leaks. Qui le slides per approfondire.

Non è mancato lo spazio per un talk legato al mondo dell'e-commerce, tenuto da Michelle Sanver, dedicato all'approfondimento dei concetti di state machine e state workflow con un esempio di utilizzo del Workflow Component di Symfony, qui le slides.

Un altro talk eccellente, tenuto da Abdala Cerqueira, è stato quello sull'utilizzo di Docker in modalità multi-stage e multi-environment. Un talk ricco di spunti, codice, dimostrazioni… forse troppo ricco per il poco tempo a disposizione ma sicuramente da approfondire qui.

Ho descritto brevemente i talk che mi hanno maggiormente coinvolta; tantissimi sono stati gli altri argomenti: si è parlato di Domain-Driven-Design ed Event Storming, di applicazioni Serverless con PHP e Bref, di API e microservizi con diversi talks e anche un workshop tenuto da Enrico Zimuel, di creazione di plugin avanzati per Wordpress, di continuous deployment, di Code Review.

Come non menzionare il keynote di chiusura, tenuto da Rasmus Lerdorf (inventore di PHP) che ci ha accompagnato in un viaggio lungo 25 anni con partenza dalla nascita di PHP e arrivo ad oggi; alla chiusura di questo PhpDay 2019 siamo alla versione 7.3.4 con l'impegno richiesto a noi sviluppatori di tenere aggiornate le versioni di software per sfruttare tutte le nuove potenzialità e la sicurezza.

Infine, un aspetto da non sottovalutare di questa conferenza, e che merita sempre essere ricordato, è l'eccellente organizzazione dell'evento da parte del GRUSP: puntualità della scaletta dei talk, velocità nel check-in, location, servizio di ristorazione di ottimo livello, qualità dei talk veramente alta, social night di livello, simpatia degli organizzatori e infine, permettetemi di menzionarlo: magliette ricordo della conferenza con fit da donna (non scontato :))

Articolo scritto da

Back-end dev & ecommerce specialist | Milano